Academic Journals Database
Disseminating quality controlled scientific knowledge

‘In the Country of Absences’: Ancient Roman and Italian Colonial Heritage in Hisham Matar’s In the Country of Men (2006)

ADD TO MY LIST
 
Author(s): Lorenzo Mari

Journal: Incontri : Rivista Europea di Studi Italiani
ISSN 0169-3379

Volume: 28;
Issue: 1;
Start page: 7;
Date: 2013;
Original page

Keywords: Roman Libya | Hisham Matar | national allegory | Leptis Magna | postcolonial nationalist historiography

ABSTRACT
L’esordio letterario dell’autore di origini libiche Hisham Matar, In the Country of Men(2006), appartiene a un corpus letterario diasporico e transnazionale che non è stato ancora adeguatamente approfondito nell’ambito della critica postcoloniale italiana. Il romanzo di Matar, ambientato in Libia nel 1979, durante il regime di Gheddafi, non presenta un confronto diretto con le eredità storiche e culturali del colonialismoitaliano nel Paese; vi sono, tuttavia, alcune peculiarità tematiche che − contrariamente aquanto sostenuto dalla critica accademica che fino a oggi si è occupata del testo −meritano di essere analizzate nell’ambito della storia coloniale e postcoloniale dellaLibia.Tra queste, spicca la descrizione del sito archeologico, ubicato in territorio libico,di Leptis Magna: il protagonista del romanzo, Suleiman, e il docente universitario UstathRashid collaborano efficacemente nella decostruzione delle storiografie nazionaliste chehanno inteso occuparsi anche del passato remoto della regione libica, ovvero della suaappartenenza all’impero romano. Ciò che Suleman e Ustath Rashid portano alla luce è un’eredità traumatica−pertinente tanto all’epoca di Settimio Severo e al colonialismo italiano, quanto alregime nazionalista postcoloniale di Gheddafi − che nessuna storiografia, coloniale onazionalista, è stata in grado di elaborare in modo compiutamente critico.
Save time & money - Smart Internet Solutions     

Tango Jona
Tangokurs Rapperswil-Jona