Academic Journals Database
Disseminating quality controlled scientific knowledge

Il corpo della strega

ADD TO MY LIST
 
Author(s): Georges Bertin

Journal: m@gm@
ISSN 1721-9809

Volume: 02;
Issue: 03;
Date: 2004;
Original page

Keywords: immaginario sociale | antropologia dell'immaginario | fenomenologia dell'immaginario | pratiche narrative | immaginario del corpo

ABSTRACT
Come già evidenziato a proposito di altre pratiche, il sabba, attività ludica profana, religiosa, conferiva a ciascuno la possibilità di giocare efficacemente con la dinamica di un mondo da cui emergeva una figura archetipica, la strega, principale attore di questa danza in tondo. Il sabba era, dunque, uno dei luoghi ove si cristallizzavano le figure del proibito, questo per il suo carattere sacro, per la violenza istituzionale che presiedeva alla formazione dei rapporti sociali, e conferiva anche, per le caratteristiche di protesta che rivela, un'immagine sempre esaltante della capacità delle società a resistere. Il problema della nostra epoca ove rifioriscono le streghe nelle più svariate forme è, forse, quello di riallacciarsi con la dimensione gruppale dei nostri svaghi, nelle loro differenti forme e, contemporaneamente, con perdita di energia, a quanto presiedeva ai sabba e alla loro risoluzione sacrificale. In contro-corrente ai modelli meccanici che assegnano dei limiti precisi e funzionali ai corpi asserviti ad un ideale di controllo, il corpo sabbatico con la sua enfasi sulle posizioni limite (ciò che si rimproverava d'altronde alle streghe), era veramente corpo mistico.

Tango Jona
Tangokurs Rapperswil-Jona

     Affiliate Program