Academic Journals Database
Disseminating quality controlled scientific knowledge

Imago e Psiche: processi creativi e processi terapeutici Imago and Psyche: creative and therapeutic process

ADD TO MY LIST
 
Author(s): Roberto Boccalon

Journal: PsicoArt : Rivista on line di Arte e Psicologia
ISSN 2038-6184

Volume: 2;
Issue: 2;
Date: 2012;
Original page

Keywords: arte terapia | arte | parola | immagine

ABSTRACT
Le parole sono portavoce dell'avventura umana, ma spesso hanno difficoltà a farsi strada nel labirinto della memoria. La conoscenza estetica rende possibile un contatto con la trama più profonda della mente. Prospettiva psicoanalitica ed evidenze sperimentali sottolineano la molteplicità dei codici espressivi, evidenziano un processo interpersonale di rispecchiamento che inizia con la regolazione degli stati del Sé e sembrano confermare la possibile trasposizione dell'identità personale nell'oggetto estetico. I prodotti estetici sono un alfabeto naturale e disponibile. Le immagini realizzate in differenti contesti di terapia espressiva esemplificano e confermano gli assunti teorici. Il linguaggio delle arti può accogliere, trasformare e rendere comprensibile l'originario ed inconscio caos emotivo. La qualità evocativa del rapporto tra opera d’arte ed interprete, tra interprete e fruitore può essere accostata al modello dell’intimità madre-bambino. Nella condizione umana sono presenti sia potenziali creativi, sia potenziali distruttivi. È necessario coniugare il coraggio della creazione innovativa con la pazienza e la misura propria della terapia per promuovere processi creativi e vitali capaci di essere portavoce dell'esperienza primaria.Words are speakers for human adventure, but often they difficultly come over in memory’s labyrinth. Esthetical knowledge allows to be in contact with the most inner mind plot. Psychoanalytical view and experimental data underlined multiplicity of expressive codes, show an interpersonal process of mirroring which start with Self state regulation and seem  to confirm transposition in esthetic object of personal identity. Esthetical productions are a natural, available alphabet. The “images” realized in different  contexts  of expressive therapy intevention exemplify and confirm the theoretical arguments. The language of arts can welcome, transform and make intelligible the original and unaware emotional chaos. The evocative quality in the relation between masterpiece and interpreter, between interpreter and  fruitor/user can  be similar to the model of intimacy mother-child. Creative potential and disruptive potential are both present in human condition. It’s necessary to join courage of creation with patience and measure of therapy to promote a creative and vital process  that can be speaker of primary experience.
Why do you need a reservation system?      Affiliate Program