Academic Journals Database
Disseminating quality controlled scientific knowledge

De verovering van de aarde. Mussolini’s battaglia della natura op de Pontijnse vlakte

ADD TO MY LIST
 
Author(s): Elias van der Plicht

Journal: Incontri : Rivista Europea di Studi Italiani
ISSN 0169-3379

Volume: 26;
Issue: 1;
Start page: 27;
Date: 2011;
Original page

Keywords: Mussolini | battaglia della natura | Pontijnse vlakte | drooglegging | moeras | agro pontino | bonifica | palude | Pontine plain | marshes

ABSTRACT
La conquista della terraLa battaglia della natura di Mussolini all'Agro PontinoL'agro pontino è la denominazione del territorio due millenni coperto dalle paludi. Si trova il territorio sessanta chilometri a sud della città di Roma. La regione è bonificata negli anni trenta del Novecento dal governo fascista. Negli anni prima del ventennio fascista le paludi pontine erano abitate solo da pochi pastori e vagabondi. Dall'antichità classica, da parte dei diversi imperatori, e dal Rinascimento, da parte dei diversi Papi, si segnaleranno tentativi falliti di bonifica. Per Mussolini ed i fascisti la bonifica dell'agro pontino fu una sfida riuscita. In quel tempo lavoratori proletari bonificarono le paludi, dissodarono il terreno, scavarono canali e costruirono cinque città, una dozzina di borghi e molti poderi. Nel 1932 viene inaugurata Littoria, l'odierna Latina, la città più importante della regione. Oggigiorno l'agro pontino è una delle zone agricole più produttive d'Italia. L'argomentazione dell'articolo si concentra sullo sfruttamento del territorio pontino e la campagna antimalarica sotto il fascismo. Viene spiegato che Mussolini ed i fascisti si presentarono come vincitori delle paludi e della zanzara anofele; insomma della natura selvaggia.
Why do you need a reservation system?      Save time & money - Smart Internet Solutions