Academic Journals Database
Disseminating quality controlled scientific knowledge

Matters of chemistry. Primo Levi, Freud and the temporary repair Questione di chimica. Primo Levi, Freud e la riparazione temporanea

ADD TO MY LIST
 
Author(s): Luca Cevenini

Journal: PsicoArt : Rivista on line di Arte e Psicologia
ISSN 2038-6184

Volume: 3;
Issue: 3;
Date: 2013;
Original page

Keywords: Primo Levi | chimica | scrittura | esperienza | dolore

ABSTRACT
By a Primo Levi’s analogy between the writer’s trade and the chemist’s one, his first and «unique» profession, and a Freud’s analogy between the chemist’s trade and the psychoanalyst’s one, the text shows some aspects of the therapeutic potential of writing. Levi pointed out some of his books as replacements for «Freud’s couch»: the writer can indeed rework his orginal material, the experience, in a new and healthier balance; in the same way the chemist can develop a new synthesis for a compound or the psychoanalyst recreate a new psychic order in his patient; in all cases, however, the single elements prove to be hard to manage, unpredicatable, and the outcomes hard to foresee.Attraverso un'analogia di Primo Levi tra il lavoro dello scrittore e quello del chimico, suo primo e «unico» mestiere, ed un'analogia di Freud tra il lavoro del chimico e quello dello psicoanalista, il testo mostra alcuni aspetti del potenziale terapeutico della scrittura. Levi ha indicato alcuni suoi libri quali sostituti «del divano di Freud»: lo scrittore può infatti rielaborare la materia di partenza, l'esperienza, in un nuovo e più benefico equilibrio, così come il chimico può portare a nuova sintesi un composto o lo psicoanalista ricreare l'assetto psichico del paziente; ma in tutti e tre i casi i singoli elementi risultano difficili da gestire, imprevedibili, e i risultati difficili da prevedere.
RPA Switzerland

RPA Switzerland

Robotic process automation

    

Tango Rapperswil
Tango Rapperswil